Scientificamente ASC è nata con la “mission” di promuovere e divulgare le materie scientifiche sul territorio cislaghese e comuni limitrofi.

E’ composta da laureati e appassionati delle discipline scientifiche che vanno a formare la branca delle scienze naturali.

Le finalità di ScientificaMente sono la diffusione, mediante laboratori e iniziative di carattere scientifico (eventi, incontri a tema, workshop, uscite didattiche), di una cultura sperimentale e di

indagine che ha come base il metodo scientifico. Gli associati sono studenti, docenti o semplici appassionati di tutte le età con una forte propensione alla ricerca e al piacere della scoperta sul campo e/o in laboratorio.

Come da statuto e dettata dalla propria passione, ScientificaMente vuole impartire una sana curiosità verso la scienza in generale e verso le sue discipline. Utilizzando come risorsa il grande bagaglio universitario e personale di ogni singolo membro per insegnare “a fare scienza” ai più giovani e, perchè no, anche agli adulti. Ma sopratutto a tutti coloro che hanno uno spiccato senso della curiosità verso la sperimentazione come aspetto principale. Per questo motivo è stata istituita la categoria socio junior per i più giovani.

Le scuole primarie e secondarie e Università sono alcuni dei collaboratori con cui l’Associazione è in contatto per trasmettere ai giovani la curiosità per la scienza sperimentale. Il grande interesse per la didattica scientifica che contraddistingue ScientificaMente spinge ogni singolo associato a fare e dare una parte di sé, con entusiasmo e competenza, al fine di incoraggiare lo studio delle scienze a livello scolastico o tramite dei laboratori didattico-scientifici. Sfruttando la propria capacità nel diffondere il piacere della scoperta verso tutti gli interessati.

Scientificamente ASC ha aggiornato la sua immagine di copertina. ... See MoreSee Less

View on Facebook

ANNIVERSARI : Il 16 ottobre 2010 muore a Chicago all’età di 76 anni il biologo statunitense Leigh Van Valen. Studioso dei meccanismi evolutivi è noto soprattutto per essere stato l’ideatore della cosiddetta “Ipotesi della Regina Rossa”. Tale ipotesi prevede che, qualora due specie evolvano in contemporanea in un dato ambiente, queste tendano ad incrementare il proprio processo evolutivo al fine di poter sopravvivere e non soccombere a vantaggio dell’altra specie. Van Valen diede tale nome alla sua teoria in analogia al noto personaggio dei romanzi di Lewis Carrol che costringe la protagonista Alice a muoversi rapidamente con il solo scopo di poter rimanere nello stesso posto. ... See MoreSee Less

View on Facebook

CHIMICA : Una categoria di composti organici molto caratteristica è sicuramente quella dei nanoputians (traducibile in italiano come nanopuziani). E’ abbastanza evidente il riferimento ai lillipuziani (il minuscolo popolo che compare nel libro “I Viaggi di Gulliver”) e, in effetti, i nanopuziani si possono considerare come un "popolo" di dimensioni molecolari.
I chimici che li sintetizzarono, infatti, non si accontentarono di ottenere delle molecole aventi la forma di un omino stilizzato ma, con opportune funzionalizzazioni delle molecole, riuscirono a differenziare i singoli nanoputians …. Per dirla in un modo poco scientifico ma molto comprensibile, specificarono il lavoro di ogni singolo nanopuziano.
... See MoreSee Less

View on Facebook

PALEONTOLOGIA : Scene di vita preistorica (Periodo Cretaceo), un esemplare di Velociraptor e uno di Protoceratops sono impegnati in un combattimento all’ultimo sangue. Chi vinse? Nessuno dei due, dato che il combattimento fu improvvisamente interrotto da un evento esterno che causò la morte di entrambi (l’ipotesi più probabile è che siano stati sepolti da una frana o da una tempesta di sabbia). Questa “istantanea”, scoperta in Mongolia nel 1971, è unica nel suo genere e ha permesso di approfondire significativamente le conoscenze sul comportamento di questi due dinosauri! ... See MoreSee Less

View on Facebook

ANEDDOTI SCIENTIFICI : Qualcuno si potrà stupire per il fatto che oggi si parli di MARK TWAIN che, come è universalmente noto, non fu uno scienziato ma uno scrittore. Il motivo è questo: pochi sanno che la Cometa di HALLEY (una cometa "periodica" che passa ogni 75-76 anni nei pressi della Terra) ebbe una grande importanza nella sua vita. La scrittore, infatti, era nato il 30 novembre 1835 : proprio mentre la Halley si trovava in prossimità del nostro pianeta. A tale proposito era solito scherzare dicendo che la cometa lo aveva portato sulla Terra e, quando sarebbe ripassata, lo avrebbe portato via. Cosa che effettivamente avvenne il 21 aprile 1910... ... See MoreSee Less

View on Facebook